Menu di navigazione

 
Parabola della vite e i tralci Gv.15/1-8

Mi só la uera uìt e al me Pai le lagricultór. Ogni cò ca porta miga früt al la taia e ogni cò ca fa früt al là póda parché al faghi più früt. Otar se già purificac par la parola ca vó dic. Restè an mi cuma mi sto an ótar. Cuma al có al pó miga fa früt par lü stès sal resta miga an da la uit, anscì gna òtar, sa resté miga an mi. Mi so la uìt e otar i có (i rama). Chi ca resta an mi e mi an lü, quèst al porta tanc früc, parché sènsa da mi pudé fa nènt. Se uargü i rèsta miga an mi, lé trac fo cuma uidisciù e al seca e dopu i la rama scià e i la tra an dal föch a brüsà. Sa resté an mi e li mei paroli li rèsta an ótar, dumandé pür quèl ca ulé e al va sarà fac. An quèst le stac glurificat al me Pai, che ótar ghebuf da purtà tanc früc e diuentuguf mé discepui.

di Luisa Moraschinelli

Ritorna alla pagina precedente
Abriga.it nasce come portale della cultura, delle tradizioni, delle bellezze paesaggistiche del territorio di Aprica.
Nelle pagine si potrà trovare tutto ciò che ha attinenza con la nostra storia, ma anche con l'attualità.
Pagina creata in: 0.041 sec
Tutto il materiale in questo sito è © 2004-2017 di Abriga.it C.F. 92022100140 Informativa legale

All rights reserved