Menu di navigazione

 
Parabola del buon samaritano Lc10/30-37

An om al uignia gió da Gerusalemme a Gerico quandu al sambàt an briganti. Quii i ga porta i-à tüt, i la pica e pu i u-à , lagandul mèz mort. Par casu al pasa an preuat, al uet lom ferit, ma al pasa ià an da lotra strada. A an levita al pasa di-lò, a lü al là-uet, ma al tira dric. nveci an samaritano ca lera an viag, al ga pasa apròf , al la uet e al ga cumpasüu. Al ga uà apröf, al ga medica li feridi cun öli e uì e al ga ià fasa sü. Dopu al la carga sül so asan e al la pórta a la locanda e la fac tüt al pusibil par idal. Al dì a dre al tira fo doi nunedi, al ga li dà a lalbergator e al ga dis: Gabat cüra da lü e quèl ca ta spendaré an pü al pagarò quandu torni. Chi da sti tre le stac al prosim da quel ca laua ncuntrat i briganti? Al dutór da la Lege, al respond: Quel ca ga büt cumpasüu da lü. Ilora al Signor al ga dis: Uan e a ti fa la stèsa roba.

di Luisa Moraschinelli

Ritorna alla pagina precedente
Abriga.it nasce come portale della cultura, delle tradizioni, delle bellezze paesaggistiche del territorio di Aprica.
Nelle pagine si potrà trovare tutto ciò che ha attinenza con la nostra storia, ma anche con l'attualità.
Pagina creata in: 0.054 sec
Tutto il materiale in questo sito è © 2004-2017 di Abriga.it C.F. 92022100140 Informativa legale

All rights reserved