Menu di navigazione

 
Parabola delle dieci vergini , Mt25 /1-13

Al regnu dal ciel al sarà cuma des vergini che ciapàt la so lampada li uà ncontra al spus. Cinq da lór era stupidi e cinq prudènti. nfati li cinq stüpidi, ciapàt li lampadi li-à miga pensat da tö-sü öli, quandu nveci li prudenti, cun li lampadi, li-à töc sü a löli an di uas. Datu che al spus al tardaua a uigni, tüti li se faci ciapà dal sogn e li sa se ndurmentadi. Ma a mèzzanoc se sintit al uers: ècu al spus, ndech an contra. Ilora tüti quili vergini, desfaci fo li prepara li söi lampadi e li stupidi li ga dis a li prudenti: Dem dal vos öli che li nosi lampadi ae drè a murì. Li prudenti li ga respond: No, ca labi miga da mancà a nö e a ötri; nden pütost a cumpral a la butiga. Ma ntat che quili li uaua a cumprà löli, al riua al spus e li vergini ca era pronti ae ndaci da dit cun lü an da la sala dal banchèt e la port la se serada. Pü tardi le riuat li otri vergini ca li diseua: Signor, Signor, uerum, ma lü al ga respnd: An uerità af cugnosi miga. Fe atensüu, dunca, parchè se miga gné al dì, gné lora.

di Luisa Moraschinelli

Ritorna alla pagina precedente
Abriga.it nasce come portale della cultura, delle tradizioni, delle bellezze paesaggistiche del territorio di Aprica.
Nelle pagine si potrà trovare tutto ciò che ha attinenza con la nostra storia, ma anche con l'attualità.
Pagina creata in: 0.002 sec
Tutto il materiale in questo sito è © 2004-2017 di Abriga.it C.F. 92022100140 Informativa legale

All rights reserved