Collaboratori
Contatti
Approfondimenti
Personaggi
Poesie
Murales
Dialetto
Forum
Webcam
Immagini
Video
Home
   

Torna Indietro   Abriga.it il giornale quotidiano online di Aprica e della provincia di Sondrio > Forum liberi > Degne di nota

Degne di nota La notizia in tempo reale....... o quasi

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 04-07-10, 08:37   #1
Abriga.it
Collaboratori
 
Data Registrazione: 19-05-05
Messaggi: 5.781
Predefinito Impianti di sci di Teglio: "Li smonteremo"

Non accenna a volersi fermare quella che ormai è divenuta una telenovela legata al futuro dello sci nella frazione montana di Teglio: la società Tellina Tour Service si è aggiudicata gli impianti di risalita di Prato Valentino all’asta, ma annuncia: «Li terremo fermi o li smonteremo».
Si è svolta l’udienza dalla quale è uscita – vincitrice a metà – la Tellina Tour Service, la società già proprietaria di uffici, gatto nevi, attrezzature e skilift a Prato Valentino. Vincitrice a metà, si diceva, in quanto il giudice non si è espresso in merito alla validità o meno del contratto di affitto degli impianti (in sostanza della seggiovia biposto Prato Valentino-Fontanacce) reclamato dalla società Four Seasons. Stiamo parlando del contratto di affitto stipulato nel marzo 2007 per la durata di dieci anni fra Rezia srl (la precedente proprietà degli impianti) e Four Seasons.
Il risultato è l’annuncio – alquanto inquietante – di Adriano Opiatti, amministratore della Tellina. «L’impianto è stato assegnato a me a prezzo d’asta (per 64.224 euro) e ora vedremo il da farsi – spiega -, se ristrutturare o smontare. Ritengo più probabile che terremo fermi gli impianti o li smonteremo perché non ho nessuna intenzione di investire 300mila euro per l’adeguamento della seggiovia se poi saranno terzi a gestire la ski area. Sono consapevole che gli utili gestionali siano irrisori, ma non intendo spendere soldi se c’è in essere un contratto. Il giudice su questo non si è espresso, dunque starà a me, se vorrò, ricorrere a vie legali per stabilirlo. Sono dell’avviso, però, che siamo di fronte ad un contratto capestro fatto ah hoc per evitare che gli impianti venissero ripristinati». Opiatti è convinto che il contratto non sia valido, poiché, in base all’articolo 13 del capitolato di concessione di esercizio del Comune, gli impianti non possono essere ceduti in affitto previa autorizzazione del Comune. Dunque – stando così le cose - la Four Seasons non poteva avere in affitto gli impianti, poiché l’amministrazione comunale aveva avviato il procedimento di decadenza della concessione stessa per il comportamento non rispettoso delle prescrizioni del capitolato. A pesare, però, c’è la registrazione del contratto stesso avvenuta il 27 marzo 2007 all’ufficio del registro.
Dunque è ancora tutto avvolto in un alone di dubbio, anche se pare strano che un operatore ritiri gli impianti di sci per poi non renderli funzionanti. «Non potevo fare diversamente – risponde Opiatti -. Il giudice ha ritenuto valida l’aggiudicazione e non potevo chiedere un rinvio in attesa di chiarire la questione dell’affitto». Un passo avanti (?) è stato fatto con la definizione del legittimo proprietario della seggiovia, ora però i tellini e i turisti delle seconde case a Prato Valentini attendono che i litigi abbiano fine per poter di nuovo sciare a Teglio.
«L’amministrazione comunale spera che, se gli impianti di risalita di Prato Valentino sono stati assegnati, ci sia la volontà di aprirli». Si limita a dire questo il sindaco di Teglio, Piergiorgio Grolli, in merito alla vicenda che sta mettendo a dura prova il turismo bianco a Prato Valentino.
La seggiovia biposto è stata aggiudicata dalla società Tellina Tour Service, il cui amministratore però ha annunciato che, se verrà ritenuto in vigore il contratto di affitto con la società Four Seasons, è probabile che gli impianti vengano tenuti fermi se non addirittura smontati. Affermazione che il sindaco non vuole commentare, ma dice: «Ci rendiamo disponibili ad un incontro per parlare con l’operatore».
Intanto, però, il Comune continuerà con la parte di sua competenza. Grolli annuncia che «partiranno a giorni i lavori di realizzazione del lago artificiale in località Le Saline con la doppia finalità di fornire acqua per l’eventuale futuro impianto di innevamento (che a Prato Valentino non c’è mai stato) e per l’acquedotto comunale». Un’opera del costo di 750mila euro di finanziamento regionale che ormai da troppo tempo attende di essere realizzata.
Abriga.it non  è collegato   Rispondi Citando
Rispondi

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi replicare
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al Forum

Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 15:58.


Powered by vBulletin® versione 3.8.8
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Tutto il materiale presente in questo sito è © di abriga.it All rights reserved