Menu di navigazione

 
La geografia dell'emigrazione

Il titolo del libro è emblematico: “Italiani d’Australia. L’emigrazione valtellinese nel Nuovissimo Continente dalle origini ai nostri giorni”. Inizialmente sarebbe dovuto essere “Valtellinesi d’Australia”. Invece l’autore, Flavio Lucchesi professore di Geografia all’Università degli Studi di Milano, ha voluto ampliare il bacino dei lettori, composto non soltanto da lettori valtellinesi. E la scelta dello stesso editore, Patron di Bologna, ne è testimonianza.
Il libro, presentato nel salone della Provincia, è stato dallo stesso autore definito una «indagine pilota e paradigmatica, la cui la metodologia potrà essere applicata ad altri casi». Con questo Lucchesi intende l’estremo rigore scientifico con cui lo studio è stato condotto, che ha richiesto 15 anni di lavoro, soggiorni alternativamente in Valtellina e nel nuovissimo continente. «L’interesse per Australia nasce da tempi lontani – ha rivelato il geografo, ricordando la tesi di laurea svolta in Australia -. Mi sono reso conto che nessun geografo italiano si è occupato dell'Australia in modo sistematico e così ho voluto colmare una lacuna e operare in un ambito di nicchia». L'argomento scelto fu quello dell'emigrazione che è stata cospicua negli anni e non sufficientemente studiata. È iniziato u lungo percorso che nel 1996 lo ha portato a incominciare una ricerca che trattasse le tematiche dell'emigrazione valtellinese in Australia. Il progetto, peraltro, è stato presentato al pubblico in un convegno nel '96. «Ho raccolto e visionato materiale vario e ampio derivante da tante fonti – ha raccontato -, ho conosciuto molti emigranti in Australia di diverse generazioni e sono nati proficui rapporti di tipo accademico con le università australiane». Ed ecco il volume che  presenta un quadro introduttivo dell’emigrazione italiana in Australia, ovvero i flussi, le origini, le cause e gli sviluppi. Poi vengono tracciate le caratteristiche sociali, politiche ed economiche che hanno portato la Valtellina a costituire una sorta di «serbatoio di emigrazione» verso mete straniere. «È stato difficile consultare questa mole amplia e sparsa di materiale – ha proseguito -,  perciò l’attenzione è stata incentrata su una serie di zoom che mi permettessero di chiarire alcuni aspetti chiave del fenomeno considerato». Dettagliato e accurato l’esame delle testimonianze negli archivi delle località di partenza e di arrivo: da quello storico diplomatico a Roma a quello del Comune di Tirano, dai registri navali all’archivio storico della Banca d’Italia. Un capitolo viene dedicato alla stampa giornalistica locale valtellinese per vedere come, nel corso di questi decenni (dal 1850 fino agli anni Novanta nel '900) cosa si dicesse dell’emigrazione valtellinese. E ancora un posto è riservato alle cosiddette «storie dal basso», ovvero casi di studio individuali: è accaduto nel tempo che molti italo australiani abbiano essi stessi o i loro discendenti pubblicato studi, non scientifici forse, ma che danno “dal di dentro” la vita e l'esperienza vissuta. Un capitolo è riservato alla presentazione del risultato dei questionari di emigranti di prima, seconda e terza generazione. L’ultimo capitolo, prima della vasta bibliografia, riguarda un tema non molto trattato: i rientri. Molti valtellinesi per diverse ragioni sono tornati in Valtellina, chi sono, come sono stati accolti e perché sono tornati?



di Clara Castoldi

Ritorna alla pagina precedente
Abriga.it nasce come portale della cultura, delle tradizioni, delle bellezze paesaggistiche del territorio di Aprica.
Nelle pagine si potrà trovare tutto ciò che ha attinenza con la nostra storia, ma anche con l'attualità.
Pagina creata in: 0.004 sec
Tutto il materiale in questo sito è © 2004-2020 di Abriga.it C.F. 92022100140 Informativa legale

All rights reserved