Menu di navigazione

 
Le mura di Sondrio di 700 anni fa

Sondrio fu il primo centro di Valtellina e Valchiavenna a dotarsi di mura fin dal 1318. In quella data i Capitanei, signori guelfi di Sondrio, fecero costruire una palizzata e scavare un fossato attorno per arginare le incursioni dei nemici ghibellini Rusconi di Como, che già a più riprese avevano attaccato la città. Successivamente, nel 1325, il borgo fu provvisto di una cinta muraria vera e propria della lunghezza di 300 metri che partiva dai piedi dello strapiombo roccioso di Fracajolo e giungeva, dopo aver circondato la città, al colle dove oggi sorge il Convitto Nazionale. Le mura erano dotate inizialmente di due porte, una in piazza Quadrivio, detta di “Ponta de Prada” e l’altra nei pressi di palazzo Martinengo, detta di “Cugnolo”. Successivamente vennero aperti altri due varchi: la porta di “Foppa” lungo l’attuale via Scarpatetti e quella del “Mallero” o di “Cantone” nei pressi del ponte sul Mallero accanto all’attuale piazza Cavour, che costituiva l’ingresso occidentale di Sondrio, raggiungibile tramite la strada Valeriana che poi attraversava la città e ne usciva in corrispondenza della porta di “Ponta de Prada”.
L’intera opera venne smantellata nel 1335 da Azzone Visconti duca di Milano in seguito alla conquista della Valtellina.
Sul finire del Quattrocento Ludovico il Moro incluse Sondrio nel progetto di rafforzamento delle difese contro le invasioni grigione, ma ebbero le mura solamente i borghi di Chiavenna e di Tirano e non Sondrio, Morbegno e Bormio.
Tratti delle fondazioni delle mura di Sondrio sono venuti alla luce nel corso di vari scavi eseguiti a scopo edilizio: durante l’erezione della chiesa del Suffragio (in seguito demolita); nel giardino dell’Arcipretura (nel corso dell’Ottocento e nel 1993); durante i lavori di costruzione del Palazzo di Giustizia (1914) e dell’Archivio di Stato. L’unico tratto di mura attualmente visibile si trova nel giardino posto a sud del palazzo Martinengo ed è stato rinvenuto durante uno scavo archeologico effettuato nel 2006 nell’ambito della riprogettazione della piazza Garibaldi.



di Gianmario Bonfadini

Porzione di mura nel giardino di palazzo Martinengo
Sondrio nel '300 - Disegno di Luca Bonetti
Ritorna alla pagina precedente
Abriga.it nasce come portale della cultura, delle tradizioni, delle bellezze paesaggistiche del territorio di Aprica.
Nelle pagine si potrà trovare tutto ciò che ha attinenza con la nostra storia, ma anche con l'attualità.
Pagina creata in: 0.002 sec
Tutto il materiale in questo sito è © 2004-2020 di Abriga.it C.F. 92022100140 Informativa legale

All rights reserved